Giugno 2012 “Avarizia, i limiti del self-interest” Donare per eccellere. Not only for profit. Il caso di Umbra Cuscinetti

Il ripensamento della teoria economica ha posto in evidenza il ruolo dei beni relazionali per assicurare il funzionamento dei sistemi economici. L‘ homo oeconomicus della teoria classica che è attento solo al proprio interesse genera contesti di meschinità che provocano l’implosione del sistema.

Il 18 giugno 2012 alle ore 14,00 presso l’Aula magna del Centro ELIS questo tema sarà affrontato dall’ing. Valter Baldaccini, Amministratore  Delegato dell’Umbra Cuscinetti e dal prof. Martin Schlag, docente di Teologia morale della Pontificia Università della Santa Croce.

Si parlerà del caso dell’Umbra Cuscinetti (http://www.umbragroup.it/), un’azienda di Foligno che oggi ha circa 1.200 dipendenti e sedi in Germania e USA. L’azienda nacque nel 1972. La proprietà fu acquisita nel 1993 dai manager attraverso una operazione di Management Buyout. Oggi è laeder nel settore delle viti a ricircolo in ambito areonautico e ha sviluppato altre linee di business nel biomedicale.

Questo percorso verso l’eccellenza è stato anche caratterizzato, oltre che dalla attenzione verso le persone e la comunità locale, anche  dalla collaborazione per risolvere alcuni problemi sociali: da lungo tempo per esempio l’azienda collabora a progetti di sviluppo in Kenia. I dipendenti sono volontariamente coinvolti in queste iniziative.

Si tratta perciò di un esempio di come il dono non sia in contrasto con il successo imprenditoriale ma anzi, in qualche modo, contribuisca a conseguirlo creando un ambiente di lavoro coeso e motivato.

  • baldaccini
  • baldaccini1